iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Serie C

Novara Calcio: domani c’è la Pianese

Novara Calcio: domani c’è la Pianese

Azzurri in campo alle 15 al "Piola" a caccia del pronto riscatto dopo lo scivolone ad Arezzo.

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre alle ore 07:30

Novara Calcio: domani c’è la Pianese. Azzurri, in campo domenica alle 15 al “Piola”, a caccia del pronto riscatto dopo lo scivolone ad Arezzo.

Banchieri non si fida della matricola toscana

Vietato distrarsi contro la neo-promossa toscana, reduce dal pesante k.o interno contro il Como: «Non dobbiamo commettere l’ingenuità di considerare solo l’ultimo risultato – ha spiegato mister Simone Banchieri – La settimana prima la Pianese aveva pareggiato a Renate e in precedenza era andata vicinissima a battere il Monza. Una squadra organizzata di serie C, da affrontare con molta attenzione».
Insomma, serve un Novara arrabbiato per aver perso un’occasione lunedì scorso, non solo per colpe proprie: «Mi piace commentare le nostre prestazioni e i nostri errori – risponde il tecnico – Dà fastidio, ma non siamo una società che si attacca a situazioni che non possiamo determinare. Non lo abbiamo fatto nemmeno per i casi più evidenti del passato. Accettiamo il verdetto del campo, consapevoli che negli episodi dovevamo essere più attenti e cattivi».

L’allenatore: «Per essere competitivi dobbiamo andare sempre al 200%»

Dunque, l’obiettivo è dimenticare subito una serata storta? «Non c’è stato un calo della tensione – aggiunge Banchieri – L’applicazione del gruppo è sempre massima. Ogni giorno, in ogni allenamento, tutti i giocatori sono sul pezzo e mi mettono in difficoltà nella scelta della formazione iniziale. E non è nemmeno questione di stanchezza, sono stanchi gli artigiani che stanno lavorando a casa mia. Le rotazioni, per me, devono essere tecniche, chi mi dà di più parte dall’inizio». «Noi dobbiamo andare sempre al 200 per cento per essere competitivi – rimarca il mister – Ma non posso dire niente a questi ragazzi, che ogni giorno danno l’anima. Fino a giugno la crescita deve essere costante e continua…».

«Attaccare meglio è una questione di atteggiamento»

Nessun cambio di modulo, nonostante siano emersi alcuni problemi a livello realizzativo: «Attaccare meglio? E’ una questione di atteggiamento – replica Banchieri – Non è importante la quantità degli attaccanti schierati, ma in campo bisogna essere più propositivi. Ci stiamo lavorando. Le nostre ali devono entrare e convergere di più in area di rigore e quando l’occasione si presenta bisogna essere più cinici a chudere le partite. Con due punte più vicine snatureremmo l’assetto, dovendo rinunciare ad un centrocampista quando nei abbiamo sei di buona qualità».

Gonzalez in rampa di lancio: «Lo vedo anche come prima punta, deve giocare più vicino alla porta»

E a proposito di attacco Banchieri non esclude la possibilità di poter rivedere già domenica Gonzalez dal primo minuto: «Pablo è in ripresa – ammette – Non so per quanto, ma sarà della partita perchè si sta allenando meglio e soprattutto ha risolto qualche problema fisico. Ho piena fiducia in lui. Come esterno o prima punta, anche se sono strafelice di Bortolussi, deve giocare più vicino alla porta».
Più facile che parta esterno alto a destra con Piscitella dalla parte opposta. E il possibile inserimento dell’argentino di Tandil potrebbe non essere l’unica novità.
Ieri sono rientrati in gruppo Tartaglia (a scartamento ridotto per una contrattura) e Buzzegoli, che ad Arezzo ha subito un colpo all’anca; il regista, dunque, rimane in ballottaggio con Fonseca. Ha smaltito l’influenza Collodel, che resta l’alternativa a Nardi, mentre come terzino destro si sta pensando al ritorno dal 1′ di Barbieri. Non saranno convocati, invece, Bellich (fermato dallo staff medico per un problema tendineo) e Paroutis, tornato infortunato dalla nazionale.
p.d.l.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *