INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Verbania, confermata la ricandidatura a sindaco di Silvia Marchionini

Verbania, confermata la ricandidatura a sindaco di Silvia Marchionini

Quasi certa la discesa in campo di Giandomenico Albertella.

Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre 2018 alle ore 12:33

Verbania, confermata la ricandidatura a sindaco di Silvia Marchionini. Quasi certa la discesa in campo di Giandomenico Albertella.

Verbania, confermata la ricandidatura a sindaco di Silvia Marchionini

L’assemblea degli iscritti Pd, martedì 4 dicembre, ha dato il via libera alla ricandidatura a sindaco di Verbania di Silvia Marchionini (nella foto). A confermarlo è il segretario cittadino, Nicolò Scalfi: «Marchionini ha dato la sua disponibilità. L’assemblea in larga maggioranza s’è espressa a favore. A giorni riuniremo la segreteria per organizzarci. L’importante è definire il programma». Si tratta di una novità relativa. La conferma della candidatura di Marchionini era già trapelata dopo l’ultima segreteria cittadina di fine novembre e confermata, in dichiarazioni a mezzo stampa tanto da Scalfi quanto dal segretario provinciale, Giuseppe Grieco. La scelta della riconferma rispetta la tradizione del centrosinistra verbanese che, da quando c’è l’elezione diretta del sindaco, ha sempre confermato per la candidatura al secondo mandato del primo cittadino uscente.

Quasi certa la discesa in campo di Giandomenico Albertella

Lo scioglimento della riserva da parte di Marchionini, e l’ormai certa ratifica da parte della segreteria, dovrebbero accelerare la discesa ufficiale in campo del principale sfidante, il sindaco di Cannobio Giandomenico Albertella. Pur mantenendo formalmente la riserva, dalla scorsa estate, Albertella incontra i partiti della coalizione che s’è già detta disposta a sostenerlo: Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia che peraltro in più occasioni hanno manifestato il loro gradimento ad una sua candidatura. Inoltre Albertella ha collaborato con la Lega nella stesura del questionario su come i verbanesi vorrebbero fosse amministrata la città e s’è unito alle critiche del centrodestra alla riconversione commerciale, terziaria e a “servizi per la città” prevista dal masterplan concordato fra Acetati Immobiliare e amministrazione comunale.
Mauro Rampinini