iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara
Consiglio comunale

Sentenza sul caso dell’Arena: Borgo Ticino rimanda la discussione

Sentenza sul caso dell’Arena: Borgo Ticino rimanda la discussione

La questione sarà dibattuta in assemblea a settembre

Ultimo aggiornamento: 05 Agosto alle ore 10:25

Sentenza sul caso dell’Arena-Parco del volontariato: il dibattito è rimandato a settembre.

Sentenza sul caso dell’Arena: il consiglio rimanda il dibattito

La decisione era già stata presa, ma nel corso del Consiglio comunale di Borgo Ticino di martedì 30 luglio è stata ufficializzata: il dibattito in aula sull’ordine del giorno relativo alla sentenza sull’Arena è stato rinviato. A proporre in un primo momento l’inserimento del punto all’ordine del giorno era stato il capogruppo di opposizione Giovanni Orlando.

Il suo nome in qualità di ex sindaco, insieme a quello di altri 11 tra tecnici comunali ed ex consiglieri dell’epoca, è comparso nella sentenza della Corte dei conti che li condanna a un maxi risarcimento per un presunto danno erariale relativo ai lavori per la realizzazione dell’Arena, parco del Volontariato.

Il sindaco: “Decideremo a bocce ferme”

“D’accordo con l’opposizione abbiamo deciso di rinviare la discussione al prossimo consiglio, a settembre – dice il sindaco Alessandro Marchese – l’intento della discussione poteva essere quello di capire quali mosse possono essere fatte per rateizzare il risarcimento o comunque per venire incontro alle esigenze di chi è stato condannato. Il fatto però, è che al momento l’iter relativo a questo provvedimento è ancora in corso alla Corte dei conti. Noi stessi non conosciamo ancora tutti i particolari della vicenda e non siamo al corrente di quali siano le singole situazioni di chi è stato condannato, né chi ha già pagato quanto dovuto e chi no. A settembre questa discussione sarà preceduta da un incontro informale con tutte le persone interessate per vagliare ogni situazione. Solo allora, a bocce ferme, potremo veramente capire se il Comune può fare qualcosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *