INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Matteo Richetti ad Arona alla vigilia delle Primarie

Matteo Richetti ad Arona alla vigilia delle Primarie

Il senatore modenese Pd è approdato nella città del Sancarlone per incontrare i sostenitori.

Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio alle ore 19:29

Matteo Richetti ieri ad Arona, alla vigilia delle Primarie Pd. Il senatore modenese ha incontrato i sostenitori.

«Puntare sulla credibilità: parole moderate e azioni radicali»

«Il Piemonte è un territorio strategico e importante» ha detto nel suo intervento parlando di lavoro, giovani, Europa, Italia e del congresso del partito. Temi che ha affrontato dapprima con i giornalisti all’hotel Atlantic, poi con i simpatizzanti e gli esponenti locali del Pd. E sullo stato di salute del Partito, reduce dalle elezioni in Sardegna e Abruzzo, e sulla “sfida” interna delle primarie di domenica, ha fatto il punto. Un partito in crisi? «Tutt’altro che a pezzi – dice Richetti –, per dare l’alternativa a questo governo, si deve puntare sulla credibilità: parole moderate e azioni radicali. Su temi come lavoro, semplificazioni, Europa, bisogna tornare a fare una proposta chiara».

Domenica alle urne, «facciamo squadra davvero»

Domenica l’appuntamento delle primarie per eleggere il segretario nazionale.«Il 3 di marzo ci giochiamo un colpo di remi circa il campo di gioco che ha ben reagito in Abruzzo e Sardegna, e sta bene sul piano nazionale – analizza Richetti -. Il partito prova ad aprire una stagione in cui prima ancora di chiederti con chi stai, chiede se hai un’idea da condividere e una proposta da fare. Facciamo squadra davvero. La classe dirigente non può essere la somma di singole individualità. Bisogna lavorare per la dimensione comunitaria. Tutto va fatto all’interno del rafforzamento del partito». Martina «sono convinto sia la persona più indicata a guidare il partito. La modalità con cui interpretata la tenuta del Pd e la valorizzazione della sua squadra e del gruppo dirigente è la più convincente».

Maria Nausica Bucci