INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Invorio prepara sedici nuove telecamere per la videosorveglianza

Invorio prepara sedici nuove telecamere per la videosorveglianza

Il risultato di un progetto lungo e articolato

Ultimo aggiornamento: 15 Maggio alle ore 08:00

Invorio prepara un piano di videosorveglianza con 16 nuove telecamere.

Invorio prepara sedici nuovi occhi elettronici

Sono ben 16 le nuove telecamere inserite nel progetto di videosorveglianza promosso dall’Amministrazione. Quattro saranno i punti di ingresso del paese sorvegliati: da Ghevio, Monticelli, Talonno e Paruzzaro. L’obiettivo è quello di rilevare le targhe dei veicoli in transito e segnalare le auto rubate, senza assicurazione o revisione, ma soprattutto quello di ricostruire i passaggi di chi compie atti criminali in paese. Le altre 12 telecamere sorvegliano aree sensibili, come la scuola, le piazze, l’area industriale.

La soddisfazione del sindaco

“Realizziamo così un altro punto del nostro programma elettorale – dice il sindaco Roberto Del Conte – legato alla promozione della sicurezza e della legalità per costruire un altro futuro. Le telecamere consentiranno alla polizia municipale e alle forze dell’ordine di disporre di strumenti moderni ed efficienti per monitorare il territorio, agevolando il loro lavoro. Le telecamere ai varchi di ingresso del paese sono importanti perché consentono di controllare il flusso in entrata e in uscita da Invorio, rafforzando quanto già stanno facendo alcuni Comuni limitrofi come Nebbiuno e Gattico”.

Un progetto promosso dal Governo

Il progetto è stato realizzato grazie a un importante contributo governativo, al quale, tramite una gara, hanno potuto accedere solo 428 Comuni in tutta Italia. “Questo della sicurezza – conclude il sindaco – è un tema importante: abbiamo voluto attivarci in ogni modo per garantirla al meglio, per la tranquillità delle nostre famiglie e la protezione dei nostri cari. Non sarà mai abbastanza, ma quanto meno è un deterrente già in adozione in altri territori e Invorio non poteva restare indietro. Deve, però, essere un progetto delle comunità e non solo di Invorio: ecco perché ci siamo mossi in sinergia con i Comuni limitrofi, per costruire una rete capace di salvaguardare e tutelare tutti i nostri territori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *