iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Gattico Veruno il commento di Sozzani sulla fusione

Gattico Veruno il commento di Sozzani sulla fusione

Il coordinatore provinciale di Forza Italia ringrazia i sindaci dei due Comuni.

Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre 2018 alle ore 12:46
L’onorevole Diego Sozzani commenta la fusione Gattico Veruno e ringrazia gli amministratori.

Gattico Veruno il commento di Sozzani

Diego Sozzani, parlamentare di Forza Italia eletto nelle ultime elezioni e già coordinatore provinciale e vice coordinatore regionale di Forza Italia, affida a un comunicato stampa un commento sulla notizia della prima fusione di due Comuni nella provincia novarese, quella di Gattico e Veruno. Dal 1° gennaio infatti le giunte dei due Comuni decadranno, e rimarranno in carica solamente i due sindaci assieme a un commissario prefettizio, che guideranno i due enti verso le elezioni di maggio per l’amministrazione del nuovo ente unico.

“Ringrazio i sindaci – dice Sozzani – che hanno lavorato per ottenere questo risultato. Ma soprattutto ringrazio i consiglieri regionali che, all’unanimità e dopo un’attenta analisi costi-benefici hanno voluto fare una scelta controcorrente, andando contro il referendum in modo ragionato e consapevole. Per la prima volta anche in provincia di Novara due Comuni si fonderanno – continua Sozzani -. Si tratta di realtà omogenee, che lavorano da anni fianco a fianco e per le quali i sindaci, a ragion veduta e prima ancora di qualsiasi altra decisione, avevano ipotizzato un percorso di fusione. In questi mesi i sindaci dei due Comuni hanno operato in valutando attentamente i pro e i contro dell’operazione, ma hanno anche chiesto e ottenuto garanzie sulla salvaguardia degli accordi e dei progetti già esistenti. A fronte dei tagli e delle difficoltà quotidiane nell’amministrare i territori in una regione dalla conformazione geografica particolare come il Piemonte, le unioni e le fusioni tra realtà omogenee e contigue rappresentano l’unico futuro possibile. Senza le fusioni i costi sono destinati a salire, così invece il nuovo ente avrà maggiori risorse e benefici”.
Un commento

Se questo è il pensiero dei nostri politici c’è da preoccuparsi , il referendum era solo di facciata ? visto che ha prevalso il no tra i votanti !! questi tanto ventilati introiti dallo stato come spesso accade andranno a finire in opere poco utili , piuttosto che usarli x assumere personale x salvaguardare e rendere pulito e sicuro il territorio, andare contro l’ espressione di chi ha deciso di dare un giudizio votando e giustificare il non voto a proprio favore ,non è certamente segno di democrazia