INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Divignano punta al piano di videosorveglianza

Divignano punta al piano di videosorveglianza

Il Comune vuole seguire l'esempio di Arona

Ultimo aggiornamento: 13 Marzo alle ore 08:00

Divignano punta a un programma di videosorveglianza per tutelare la sicurezza del paese.

Divignano punta alle nuove telecamere

Un paese più controllato per le automobili di passaggio. L’amministrazione comunale intende posizionare delle telecamere agli ingressi del paese per registrare le targhe. “Lo scopo è solo legato alla sicurezza e non si faranno multe – assicura l’assessore Filippo Pianta – sono uno strumento di controllo in collegamento con la Questura di Novara, con cui si potrà vedere in rete i filmati. Si può inviare loro una segnalazione per una macchina rubata. Oppure, come è accaduto da noi in inverno, se capitano furti si può andare a trovare il proprietario del veicolo”.

L’esempio da seguire è quello di Arona

Divignano si ispira all’esempio del progetto attuato ad Arona. “E’ una questione che non riguarda solo Divignano – continua Pianta – Ho parlato con l’assessore alla sicurezza del comune di Arona Tullio Mastrangelo, il quale mi ha spiegato l’importanza di avere il più diffusamente possibile una rete di questo tipo. Siamo nella fase di richiesta preventivo alle aziende, vedremo cosa offrono e a che prezzo”.

I punti del paese interessati

L’amministrazione punta a concentrare i controlli sui punti più critici. “Le vie interessate sono la strada provinciale 23 che da Varallo Pombia sale nel nostro Comune – dice Pianta -Da un lato c’è via Leopardi, dall’altro via Repubblica. Vedremo se posizionarla anche negli ingressi secondari. Sulla strada del ponte non è in previsione l’uso di questa tecnologia, per adesso è ancora bloccata. Valuteremo il parere dei cittadini. Se riterranno che è interessante, porteremo avanti l’idea, mantenendo il dialogo con i nostri cittadini. Questi dispositivi per adesso sono posizionati a Gattico, Dormelletto e mi pare anche Arona. Sono delle telecamere con centralina collegata al palazzo comunale”.