iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara
scuole superiori

Sostegno scolastico: dalla Provincia un bando da 700.000 euro

Sostegno scolastico: dalla Provincia un bando da 700.000 euro

Grazie al contributo della Fondazione Comunità del Novarese e della Fondazione Bpn per il territorio.

Ultimo aggiornamento: 02 Luglio alle ore 07:35

Sostegno scolastico agli alunni con disabilità: la Provincia garantisce il servizio anche grazie al contributo di Fondazione Comunità del Novarese e Fondazione Banca popolare per il territorio.

Sostegno scolastico garantito per gli alunni delle superiori

Il 19 giugno scorso la Provincia di Novara ha indetto una procedura di gara aperta per l’affidamento del servizio di inclusione scolastica degli alunni diversamente abili che frequentano le scuole superiori del nostro territorio.

«Si tratta di un investimento di risorse ingenti per la Provincia di Novara, ben 700.000 euro annui, ma si tratta di risorse spese bene – spiega il consigliere delegato all’Istruzione Andrea Crivelli – in quanto siamo rimasti l’unica Provincia in Piemonte a gestirlo in maniera diretta, nonostante i tagli statali e regionali degli ultimi anni».

Un bando da 700.000 euro

Il servizio, per l’anno scolastico 2019-20 avrà il medesimo importo d’appalto del passato grazie all’aiuto della Fondazione Comunità Novarese Onlus e della Fondazione BPN, il cui generoso contributo – unito a un’attenta operazione di recupero di tutte le risorse residue operato dal settore istruzione dell’Ente – ha permesso alla Provincia di garantire anche quest’anno il medesimo importo d’appalto del passato, nonostante la riduzione del contributo statale e regionale, che copre il cospicuo importo di circa un milione di euro destinato ogni anno dalla Provincia per i servizi rivolti ai ragazzi diversamente abili, dei quali circa 700.000 euro sono utilizzati, appunto, per questo bando, e i restanti 300.000 ai servizi di trasporto a scuola.

«Abbiamo puntato sia sulla quantità che sulla qualità del servizio: infatti – spiega Crivelli – da un lato siamo riusciti a incrementare le ore assegnate all’attività di affiancamento alunni, passando da 37.000 a 38.000 all’anno; dall’altro lato, abbiamo richiesto figure specialistiche di assistente alla comunicazione per gli alunni con disabilità sensoriali e con specializzazione sui disturbi dello spettro autistico. Abbiamo inoltre raccolto le istanze formulate dagli operatori: in particolare, abbiamo richiesto che le attività di formazione siano programmate durante tutto l’anno, per migliorarne la fruibilità e l’efficacia, e sono state recepite le clausole sociali a tutela dei dipendenti già impegnati nel servizio».

Il sostegno delle Fondazioni

«Abbiamo scelto di contribuire con 20.000 euro alla realizzazione di questo progetto per il sostegno scolastico  – commenta il presidente della Fondazione Comunità Novarese Onlus, Cesare Ponti – perché riteniamo che sia indispensabile all’attuazione del diritto allo studio. Il trasporto scolastico costituisce, per gli alunni disabili, un supporto essenziale alla frequenza tanto che abbiamo ricevuto anche da associazioni quali Angsa e Anffas Borgomanero una richiesta di aiuto che stiamo cercando di soddisfare, almeno in parte. La creazione di piani educativi personalizzati, poi, è necessaria per sviluppare le potenzialità degli alunni con disabilità nell’apprendimento, nella comunicazione e nelle relazioni. La scuola è il primo luogo di socializzazione, il primo spazio in cui sentirsi “persona” e questa possibilità deve esistere, in egual misura, per tutti».

«Siamo particolarmente lieti di aver fornito il nostro apporto – afferma Paolo Cirri della Fondazione BPN per il Territorio  – per consentire alla Provincia di Novara di continuare a garantire, negli stessi termini economici e ai medesimi ottimi livelli, i servizi destinati ai ragazzi diversamente abili che frequentano gli istituti scolastici superiori del territorio novarese. È un merito indiscutibile della Provincia essere riuscita, nonostante i sempre maggiori condizionamenti, a gestire direttamente tale importantissimo e qualificante genere di servizio. Dare la possibilità a giovani con difficoltà fisiche o psichiche di inserirsi con pieno titolo nell’attività scolastica e formativa, oltre a essere obiettivo etico fondamentale è un risultato di grande rilevanza sul piano sociale e, in prospettiva, economico. Queste finalità si sposano perfettamente con la filosofia della nostra Fondazione, rivolta in particolare al bene del territorio e di coloro che in esso si trovano in situazioni di svantaggio».

l.c.