iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

“Omar” a Oleggio, firmata la convenzione

“Omar” a Oleggio, firmata la convenzione

Formalizzata per vent’anni la presenza della succursale dell’istituto novarese, già operativa da settembre.

Ultimo aggiornamento: 19 Gennaio alle ore 14:02

E’ un futuro ancora tutto da scrivere, ma che promette bene, quello della succursale dell’istituto tecnico industriale “Omar” di Oleggio, riaperta a settembre a Villa Trolliet (ex Enaip) dopo oltre vent’anni. L’altro giorno, in Provincia, la firma della convenzione ventennale.

Omar a Oleggio, firmata la convenzione

Omar, succursale a Oleggio. Ci credono Provincia di Novara, Comune di Oleggio e soprattutto la scuola superiore novarese stessa. I tre soggetti hanno formalizzato la presenza dell’istituto a Oleggio, nei fatti già operativo da settembre. Per questo primo anno scolastico gli studenti sono 58, suddivisi in due prime e una seconda, ma il loro numero è destinato a crescere fino a completare almeno due sezioni con classi dalla prima alla quinta. E’ c’è spazio anche per una terza sezione, con possibilità di avere anche l’indirizzo di meccanica oltre a quello già avviato di robotica.

“Omar” a Oleggio, «un risultato straordinario»

«Aver riportato questo istituto superiore in città è per noi un risultato straordinario», ha detto il sindaco oleggese Massimo Marcassa.  «La sinergia che si è creata tra Comune, Provincia e scuola e che ha portato a questo risultato è un modello da applicare a livello territoriale», ha aggiunto il consigliere provinciale con delega all’Istruzione Andrea Crivelli. «Non è facile aprire un distaccamento, ma siamo riusciti a superare ogni barriera e oggi l’iti Omar è contentissimo», ha detto il dirigente scolastico Francesco Ticozzi.
La docente referente dell’Omar di Oleggio, Lara Caffi, ha evidenziato «l’emozione di vedere nascere una nuova scuola. I nostri studenti da settembre hanno già maturato un forte senso di appartenenza. La succursale non è un polo di serie B ma è collegata in rete con la sede di Novara e potrà diventare un’eccellenza».
ari.mar.