INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Nilla Pizzi, centenario un po’ domese

Nilla Pizzi, centenario un po’ domese

L'ossolano Carlo Zaninetti tra gli organizzatori delle manifestazioni e del raduno di fan per celebrare la nascita della regina della canzone italiana.

Ultimo aggiornamento: 20 Aprile alle ore 10:00

Nilla Pizzi: il medico ossolano Carlo Zaninetti, 33 anni, è tornato sulle tracce della regina della canzone italiana in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita della cantante, avvenuta il 16 aprile 1919 a Sant’Agata Bolognese.

Il fan domese di Nilla Pizzi per il centenario della nascita

Aveva già fatto parlare di sé nel 2016, quando superò brillantemente le selezioni di Rischiatutto, trasmissione condotta da Fabio Fazio su Rai Tre, rispondendo a svariate domande sulla carriera di Nilla Pizzi. La settimana scorsa il medico ossolano Carlo Zaninetti a Sant’Agata Bolognese, località emiliana al confine fra le province di Bologna e Modena, ha contribuito all’organizzazione di un raduno di fan arrivati da tutta Italia che si è svolto venerdì scorso al teatro Bibiena all’insegna di ricordi, aneddoti e testimonianze inedite.

«Conobbi Nilla Pizzi negli anni Novanta, poco più che bambino»

«Per anni ho creduto di essere il più giovane fan di questa cantante – racconta Zaninetti -, poi ho scoperto che non era così. La Pizzi ha avuto e ha diversi ammiratori meno che quarantenni. Io la conobbi negli anni Novanta, poco più che bambino (nella foto), e mi appassionai alla sua voce. Lei ne fu felice ma non sembrò più di tanto sorpresa: mi prendeva sul serio, considerandomi un suo sostenitore a tutti gli effetti, a dimostrazione del grande rispetto che nutriva per il suo pubblico».

CentoNilla, calendario di eventi del centenario

Il gruppo Facebook “Amici di Nilla Pizzi, la regina della canzone”, fondato pochi anni fa da Bruno Maestrelli, ha radunato centinaia di fan dando nuova linfa alla loro passione. Ha promosso “CentoNilla”, il calendario di eventi in occasione del centenario della sua nascita. Tra gli appuntamenti, una serata dedicata al racconto degli ammiratori, la decorazione delle vetrine della città con disegni a tema realizzati dai bambini delle scuole, fotografie, dischi e vestiti di scena di Nilla Pizzi. Non è tutto, è stato emesso anche un francobollo commemorativo, emesso il 16 aprile; poi un doppio CD pubblicato da TV Sorrisi e Canzoni, una mostra fotografica voluta dal comune di Sant’Agata dedicata al rapporto di Nilla con la sua terra ed un concorso artistico per le scuole della città. Ed ancora una curiosa opera d’arte urbana che decorerà la torre piezometrica del comune emiliano, alta 40 metri, con edera e papaveri, in omaggio alle canzoni più note della Pizzi. L’allestimento, che sarà completato prossimamente, potrebbe diventare il più grande d’Italia.
Sandro Bottelli