iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Novità letteraria

Made in Novara l’Atlante dei birrifici italiani FOTO

Made in Novara l’Atlante dei birrifici italiani FOTO

Parlano novarese gli autori e l'editore, ma anche il locale e il birrificio in collaborazione col quale è stata organizzata la presentazione.

Ultimo aggiornamento: 14 Novembre alle ore 22:18

Made in Novara il nuovo Atlante dei birrifici italiani. Sono infatti novaresi entrambi gli autori, Andrea Camaschella, uno dei maggiori esperti di birra a livello nazionale (beer teller, beer writer, beer hunter, beer sommelier e molto altro ancora), e Davide Bertinotti, beer hunter e massimo divulgatore della cultura e dell’arte della produzione casalinga di birra in Italia.

Novità made in Novara

Mercoledì 6 novembre 2019 l’inedito quanto dinamico duo di autori ha presentato la propria fatica letteraria alla salumeria Moroni di via degli Avogadro, nel capoluogo provinciale in collaborazione con Croce di Malto, birrificio di Trecate (No) tra i più apprezzati a livello nazionale.

Dopo il successo dell’ “Atlante del Vino Italiano” e dell’ “Atlante dei Formaggi Italiani”, l’editore Libreria Geografica (che non poteva che essere anch’esso novarese) esplora un panorama in cui l’Italia è una giovane scoperta e promessa in crescita: la birra. Un mondo costituito da birrifici e mastri birrai che sapientemente creano la ricetta per la propria interpretazione di questa bevanda unica dalle mille sfumature.

L’Atlante dei birrifici italiani

Nel volume, i due autori, senza giudizi o classifiche, raccontano attraverso la storia delle persone, dei birrifici e dei territori, la produzione birraria che unisce le influenze della tradizione tedesca, belga, americana ed inglese alla creatività e alla qualità italiana.

Un viaggio nell’arte brassicola, da Nord a Sud, che accompagna il lettore alla scoperta dell’Italia che “fa birra” in modo artigianale, con una passione e un legame al territorio, paragonabili a quelli vitivinicoli, per i quali il nostro paese è famoso.

Uno sguardo diverso per conoscere, valorizzare e apprezzare un’altra eccellenza italiana che si sta facendo sempre più strada nello scenario europeo e mondiale.

Forse non sapevate che…

Forse non lo sapevate, ma il primo microbirrificio artigianale appare in Italia nel lontano 1988 a Torbole, sulle rive trentine del Lago di Garda, ma l’inizio del fenomeno, esploso numericamente negli ultimi anni, viene generalmente identificato nel 1996: probabilmente perché in quell’anno appaiono i produttori (il comasco Birrificio Italiano, il meneghino Birrificio Lambrate e il cuneese Birrificio Baladin) che hanno segnato la storia del settore, fatto da “scuola” e traino a una schiera di nuovi operatori negli anni successivi.

Dalla manciata di birrifici della fine degli anni novanta ai quasi mille impianti produttivi odierni, il salto è stato enorme in tutti i sensi: aumento della dimensione media delle sale cottura, incremento di produzione e consumo (i piccoli birrifici ora contano circa il 3,5% del mercato in volume), migliore presenza sul territorio nazionale, esplosione del numero di stili birrari proposti, maggiore consapevolezza da parte del consumatore.

Un settore ancora in crescita

Un fenomeno che non mostra segni di rallentamento e che potrebbe avere ancora spazi di incremento, se prendiamo come pietra di paragone gli Stati Uniti, dove i microbirrifici apparvero già negli anni ‘70 e oggi rappresentano il 13% del mercato birrario locale.

Il lettore troverà nel volume una selezione dei birrifici e microbirrifici italiani più affermati e le birre che – secondo gli autori – ne rappresentano al meglio spirito e personalità.

Gli autori

Davide Bertinotti. Divulgatore birrario e beer hunter, dal 1998 produttore casalingo di birra, con diversi podi ai concorsi per homebrewing e decine di corsi e conferenze in ogni parte d’Italia. Cura il sito www.bertinotti.org, dedicato alla produzione casalinga di birra e alla cultura e turismo birrario, il sito microbirrifici.org, database dei birrifici e della birra italiana ed è tra i membri fondatori di MoBI – Movimento Birrario Italiano, www.movimentobirra.it.

Andrea Camaschella. Novarese, classe 1973, si appassiona alla birra, di qualità, agli albori degli anni ‘90 in un pub della periferia londinese. Dopo anni di viaggi per Europa e Italia, alla ricerca del Santo Graal birrario, fa di questa passione una professione. Oggi, tra un viaggio e l’altro, è uno dei principali attori della parte culturale italiana: redattore di Fermento Birra Magazine, relatore in forum e laboratori, docente di degustazione per l’ITS Agroalimentare e in corsi dedicati alla birra, collabora con le principali associazioni di settore per promuovere la cultura brassicola nel nostro Paese.

SFOGLIA L’OPERA CON NOI:

daniele.pirola@netweek.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *