iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Giornate del Fai novaresi sulla Rai

Giornate del Fai novaresi sulla Rai

Ieri diretta al Tg Piemonte delle 14.

Ultimo aggiornamento: 24 Marzo alle ore 09:26

Per presentare le giornate nazionali del Fai a Novara è arrivata anche la Rai.

In diretta al Tg 3 Regione

Venerdì pomeriggio, infatti, nell’ambito del Tg itinerante piemontese di Rai Tre, il giornalista Davide Pyriochos in diretta ha illustrato, nello scenario del Broletto, le iniziative messe in campo dalla delegazione Fai novarese, presieduta da Giuseppina De Vito, per questo evento che interessa tutta la provincia.
Il servizio è andato in onda venerdì nel Tg delle 14.
E’ stata proprio lei a introdurre la due giorni che ha aperto le porte di 31 luoghi tutti da scoprire sul Novarese, «a dimostrazione che questo è un territorio tutto da scoprire».
Ad illustrare ed a condurre i visitatori in percorsi guidati di questi magnifici luoghi una serie di volontari, guidata da Matteo Caporusso, presidente di Fai Giovani, che ha mobilitato una vera e propria task force: «Ci siamo messi a disposizione per rendere ancora più godibili le nostre bellezze architettoniche».
Ma la città sta cambiando «puntando molto sulla valorizzazione dei nostri edifici – ha spiegato l’assessore al governo del territorio, Elisabetta Franzoni – e non solo. Ringraziamo la delegazione del Fai per quanto ha messo in campo e continueremo a lavorare per rendere sempre più bella Novara».
Il servizio in esterno si è aperto con gli alunni della scuola primaria “De Amicis” di Romentino, nel cortile del Broletto, che col plesso “Ferrandi” dell’istituto comprensivo Hack e con i ragazzi dei centro diurni educativi e riabilitativi per disabili Sth di Galliate e Trecate, hanno partecipato allo spettacolo “Pagine” che ha aperto di fatto la due giorni del Fai.
Un servizio ha valorizzato la nostra Cupola dell’Antonelli.
Filo conduttore dell’edizione 2019 due diverse tematiche racchiuse nel titolo “Fiumi di inchiostro. Storia dell’editoria e della grafica”. Per questo la chiusura è stata affidata al direttore del Corriere di Novara, Sandro Devecchi, che ha illustrato il ruolo di un giornale locale nel seguire il ritmo di una città sempre più in crescita.