INIZIATIVA L'album delle figurine storiche
controlli

Trecate, stranieri irregolari nella palazzina in degrado

Trecate, stranieri irregolari nella palazzina in degrado

Polizia di Stato e Polizia Locale insieme per contrastare il degrado in vicolo Bordiga.

Ultimo aggiornamento: 15 Maggio alle ore 19:08

I controlli sono partiti dopo l’esposto di alcuni residenti che avevano notato da tempo la presenza di persone, probabilmente extracomunitarie, che entravano nello stabile la sera tardi e uscivano la mattina dopo.

Stranieri irregolari, controlli di Polizia di Stato di Novara e Polizia Locale di Trecate-Sozzago

Dopo l’esposto di alcuni cittadini trecatesi, all’alba di lunedì sono scattati i controlli in una palazzina di vicolo Bordiga a Trecate. Lo stabile, degradato, da tempo risultava ricovero di fortuna per i senzatetto. Nei locali infatti sono stati trovati tre cittadini stranieri di origini egiziane, tra i 17 e i 24 anni, due dei quali risultati irregolari sul territorio nazionale. Accompagnati in Questura a Novara all’Ufficio Immigrazione, per loro sono partite le pratiche legate all’espulsione dall’Italia.

Un extracomunitario irregolare anche in stazione

Durante i controlli, alla stazione ferroviaria di Trecate, è stato individuato anche un quarto cittadino extracomunitario, portato in Questura. Dei quattro, uno è stato accompagnato al centro di identificazione ed espulsione di Torino in attesa del rimpatrio; per gli altri due sono state applicate le misure dell’espulsione con ordine del questore di allontanarsi dal territorio nazionale e del foglio di via dal Comune di Trecate. Il minorenne, invece, è stato affidato a una comunità.
Per sanare la situazione di degrado in cui versava lo stabile verrà proposta un’ordinanza in materia di igiene e sanità pubblica. L’operazione ha visto l’impiego del dirigente dell’Ufficio Immigrazione di Novara, di alcune unità della Polizia di Stato e del comandante della Polizia Locale di Trecate-Sozzago con una decina di agenti e con l’unità cinofila antidroga.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *