iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Sergio Favalli, imprenditore piemontese rapito in Nigeria, è stato liberato

Sergio Favalli, imprenditore piemontese rapito in Nigeria, è stato liberato

E' originario di Moretta in provincia di Cuneo.

Ultimo aggiornamento: 11 Aprile alle ore 14:32

Sergio Favalli, imprenditore di Moretta nel cuneese, rapito tredici giorni fa in Nigeria, è stato liberato. A riportarlo i colleghi del giornaledicuneo.it

Sequestro di persona con finalità di terrorismo

Il 62enne, liberato quest’oggi, giovedì 11 aprile, sarebbe già in volo verso Roma: l’annuncio è stato diffuso dall’agenzia di comunicazione dei Servizi Segreti italiani.
Sergio Favalli, da tempo residente in Nigeria con una propria attività commerciale, sta rientrando dopo 13 giorni di prigionia, catturato da una banda di criminali il 30 marzo.

In merito al sequestro il pm Sergio Colaiocco ha aperto un fascicolo per sequestro di persona con finalità di terrorismo. Il rapimento è stato reso noto solamente ad avvenuta liberazione, la riservatezza è stata una garanzia di risoluzione rapida della vicenda.

Il rapimento in Nigeria

A dare l’allarme è stata la moglie, una donna nigeriana, che ha chiamato un amico italiano della coppia. L’uomo ha contattato le autorità italiane e immediate sono iniziate le attività dell’Aise che ha attivato una collaborazione con l’intelligence nigeriana. I risultati sono arrivati dopo 13 giorni: Favalli è stato liberato e in serata sarà in Italia.

Le dinamiche del rapimento e quelle della liberazione sono al momento riservate. A mediare durante il rapimento è stata l’Aise, l’agenzia informazioni e sicurezza esterna, insieme a Ros e unità di crisi del ministero degli Esteri.