INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Novara sgominata banda: 39 arresti per furti in abitazioni e auto

Novara sgominata banda: 39 arresti per furti in abitazioni e auto

In due capannoni nel milanese è stata rinvenuta referutiva per un totale di oltre 2 milioni di euro.

Ultimo aggiornamento: 08 Maggio alle ore 12:02

Novara sgominata banda: 39 arresti per furti in abitazioni e auto. I carabinieri l’hanno denominata “Operazione Ultima”.

Novara sgominata banda

I carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo di Novara, impegnati da anni nel contrastare le attività predatorie di agguerriti gruppi dell’est Europa, dediti in prevalenza a reati contro il patrimonio, hanno concluso l’operazione denominata “Ultima”, nata da una costola delle precedenti operazioni “Mtshketa” e “Prometeo” che nel 2016 e 2018 avevano già portato all’arresto di 86 persone sempre per reati contro il patrimonio.

L’attività, nata nell’ottobre del 2017, ha visto l’esecuzione di sette ordinanze di custodia cautelare (sei in carcere ed una agli arresti domiciliari) con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione ed al riciclaggio.

I numeri

L’operazione “Ultima”, nel corso di 18 mesi di indagine, si è sviluppata con:
− l’arresto di 24 uomini, prevalentemente cittadini albanesi, che operavano in sette distinte “batterie” ed avevano perpetrato 79 furti in abitazione in varie province del nord ovest del territorio nazionale;

− una piccola “deviazione” su un filone di furti ai danni di esercizi pubblici e ditte di logistica: in tale contesto, nel giugno del 2018, sono state arrestate tre persone trovate in possesso di refurtiva per un valore complessivo di 1.500.000, composta da un ingente quantità di capi di abbigliamento di marca, computer e profumi;

− il fermo di una agguerrita “squadra” di ladri di auto, composta da cinque persone, che operava in Lombardia e Piemonte.

L’esito finale delle investigazioni ha consentito di individuare gli arrestati  che rispondono dell’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione ed al riciclaggio: la loro base operativa è stata individuata in due capannoni, ubicati a Legnano ed a Trezzano sul Naviglio, posti sotto sequestro in quanto all’interno sono stati ritrovati i pezzi di almeno 30 autovetture rubate, immagazzinati con cura per tipologia di oggetto. Complessivamente il valore della refurtiva rinvenuta, già completamente restituita, è di circa 2.200.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *