iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Quasi un giorno seduto su una sedia

Muore in ospedale dopo 23 ore: le telecamere riprendono l’attesa

Muore in ospedale dopo 23 ore: le telecamere riprendono l’attesa

Le telecamere interne della struttura hanno ripreso la sua lunghissima attesa e il tragico epilogo.

Ultimo aggiornamento: 04 Ottobre alle ore 07:32

Muore in ospedale dopo 23 ore in sala d’attesa. E’ questo quando accaduto a Giuseppe Ramognino, 78 anni di Carmagnola. Le telecamere interne della struttura hanno ripreso la sua lunghissima attesa e il tragico epilogo. Lo raccontano i colleghi della nuovaperiferia.it

Muore in ospedale

Un uomo di 78 anni, Giuseppe Ramognino muore in ospedale. Una storia sconvolgente che è stata ripresa dalle telecamere della struttura.

I fatti

Il 78enne era giunto in ambulanza al pronto soccorso alle 10.03 del 1° maggio. Ha atteso per ore sino a quando in piena notte si è recato in bagno e dopo un paio d’ore è stato soccorso, in seguito ad una segnalazione di un senza tetto.  E’ stato quindi posizionato su una sedia a rotelle e dopo altre due ore l’uomo è morto a causa di un infarto intestinale. Ramognino non era stato soccorso perchè scambiato per uno dei senza tetto che ogni giorno trovano riparo nel pronto soccorso.

L’iter legale

A causare il decesso, come detto prima, è stato un infarto intestinale che difficilmente sarebbe potuto essere previsto, come ha evidenziato il pm Ciro Santoriello. Certo è che dal punto di vista umano colpisce che l’uomo sia morto senza essere stato neppure notato nella pronto soccorso dopo un’attesa di un giorno. La procura nei giorni scorsi ha chiesto l’archiviazione del caso visto che non si ravvisano responsabilità perchè la circostanza che il personale sia stato avvisato delle presenza del 78enne è puramente ipotetica e frutto di un’illazione ricavata dalle immagini. Infatti, nessuno è riuscito a rintracciare il clochard che avrebbe avvisato il personale sanitario della presenza di Ramognino. Diversa le reazioni della famiglia della vittima che dopo aver visionato le immagini chiede la riapertura del caso.

Il personale medico…

Il personale medico pensava che la vittima se ne fosse andata, interrompendo gli esami che gli stavano facendo o gli avrebbero fatto, come ad esempio un elettrocardiogramma di cui però non si è trovata traccia.Le immagini però provano  che Ramognino non si sia mai allontanato dal Pronto Soccorso se non solo per 5 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *