iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Irrompe in casa dell’ex moglie con un machete e ferisce familiare della donna

Irrompe in casa dell’ex moglie con un machete e ferisce familiare della donna
Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio alle ore 20:04

L’aggressore arrestato dalla Volante della questura di Novara per tentato omicidio

Minaccia la ex moglie con un machete e ferisce con l’arma da taglio un familiare intervenuto a difesa della donna. L’aggressore è stato poi arrestato per tentato omicidio.
L’episodio è avvenuto a Novara,  nella notte tra sabato 12 e domenica 13 gennaio. Poco prima di mezzanotte un equipaggio della Squadra Volante della questura interveniva a seguito della segnalazione di una donna, la quale riferiva di esser stata minacciata dall’ex marito che si era recato presso la propria abitazione armato di un machete. La donna segnalava di temere fortemente per la propria incolumità e per quella dei figli minori. L’uomo irrompeva in casa da una finestra.

Accusato dei reati di tentato omicidio, lesioni gravi aggravate, resistenza a pubblico ufficiale e maltrattamenti

Giunti sul posto, i poliziotti trovavano un uomo, in seguito identificato di nazionalità marocchina, impegnato in una lotta per divincolarsi da due persone, risultate di nazionalità italiana. Erano due familiari della donna intervenuti in suo soccorso. L’aggressore aveva  sferrato un fendente con il machete dall’alto verso il basso cercando di ferire al volto uno dei due uomini. Solo la prontezza di riflessi consentiva al malcapitato di parare il colpo con un braccio ed evitare di essere colpito in faccia. La donna intanto si era chiusa a chiave in bagno. Gli Agenti della Volante, che intervenivano nel momento in cui era in atto la colluttazione, bloccavano l’aggressore cercando di contenerne i movimenti e riuscendo a neutralizzarne la pericolosità. A questo punto il cittadino marocchino veniva tratto in arresto per i reati di tentato omicidio, lesioni gravi aggravate, resistenza a pubblico ufficiale e maltrattamenti. Arresto convalidato.

m.d.