iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Cronaca

Gaia Speranza, 16enne scomparsa con l’ex moroso: ricerche in corso | VIDEOAPPELLO

I due sono spariti nel nulla

Ultimo aggiornamento: 01 Agosto alle ore 13:28

Gaia Speranza ha 16 anni ed è sparita, è finita al centro di una storia dai contorni ancora poco chiari che sta angosciando tutti a Sordevolo, il paese nel biellese dove abita: gli amici, i compagni di scuola, i conoscenti, ma soprattutto i genitori di quella che viene considerata come una famiglia per bene. E’ sparita da martedì nel primo pomeriggio, da quando è uscita di casa e si è allontanata in auto, sembra con l’ex fidanzato, Michael, di 20 anni, anche lui di Sordevolo, operaio tessile, con il quale da un paio di settimane aveva concluso una relazione a dire di tutti troppo burrascosa per non lasciare strascichi negativi.

 

Gaia Speranza è scomparsa: ricerche in corso

Non è ancora del tutto chiaro se Gaia sia salita su quell’auto (una Renault Clio serie 3 di colore grigio di cui è stata divulgata anche la targa: DB785HF) in modo spontaneo oppure sia stata obbligata. A cercarli non sono solo i genitori di entrambi, bensì i carabinieri, i Vigili del fuoco e la Protezione civile. Perché lei è minorenne e, a detta di tutti, non le sarebbe mai passato per la testa di scappare di casa soprattutto con l’ex fidanzato. I due ragazzi sono spariti nel nulla. Da quel momento si sono perse le tracce. Entrambi hanno i cellulari spenti e per ora non hanno provato a contattare nessuno. In caso contrario, i carabinieri avrebbero potuto intercettarli, capire dove potrebbero trovarsi in questo momento e raggiungerli.

L’appello del padre Roberto

L’appello del padre. A parlare e a spiegare che non può per nessun motivo trattarsi di un colpo di testa, è il padre della ragazza, Roberto Speranza, in una intervista esclusiva rilasciata sull’Eco di Biella.

Chi notasse la ragazza oppure l’auto con a bordo i due, può contattare i carabinieri di Biella al numero per le emergenze “112”.

E’ possibile seguire tutti  gli aggiornamenti della vicenda sul sito dei colleghi dell’Eco di Biella e La Nuova Provincia di Biella.