iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Il caso

Discarica abusiva a Dormelletto: dal Comune un ultimatum ai proprietari

Discarica abusiva a Dormelletto: dal Comune un ultimatum ai proprietari

Sul posto erano presenti anche rifiuti pericolosi

Ultimo aggiornamento: 02 Dicembre alle ore 10:36

Discarica abusiva scoperta a Dormelletto. Dopo l’intervento delle forze dell’ordine, il Comune impone ai proprietari di rimuovere tutto entro 30 giorni.

Discarica abusiva in paese

Scoperta, dalle forze dell’ordine, una “discarica abusiva” a Dormelletto. In seguito a degli accertamenti, in una zona del paese, non vicina al centro abitato, è stata constatata la presenza di rifiuti pericolosi, consistenti in 32 taniche di varie dimensioni contenenti olio motore esausto, gasolio e kerosene, materiale da demolizione miscelato con plastiche, vetri, materiale elettrico vario, lattine metalliche vuote, sanitari dismessi (water e bidet), 2 pneumatici fuori uso, 1 frigorifero fuori uso, 2 roulottes fuori uso riempite all’interno con altri rifiuti di vario genere e tipo, il tutto depositato in maniera incontrollata sull’area oggetto dell’ordinanza pubblicata dal Comune di Dormelletto.

L’intervento del sindaco Vedovato

“E’ una situazione delicata dove sono coinvolti più privati, i quali continuano a rimpallarsi le colpe tra di loro – spiega il sindaco Lorena Vedovato – ma tali controversie al Comune di Dormelletto non interessano. Vi è un’ordinanza a cui si deve dare seguito. Non ci troviamo davanti ad un grave pericolo ambientale ma devono essere fatti degli smaltimenti e sono stati commessi degli abusi che devono essere sanati. Si dovrà, quindi, procedere ad una bonifica dell’area”.

30 giorni per rimuovere tutto

Dopo l’intervento della polizia di Stato, arriva quindi l’ultimatum del sindaco Vedovato. “Per fortuna questa “discarica abusiva” non è vicina all’abitato – continua il primo cittadino Vedovato – si trova in un’area abbastanza isolata. A prescindere da ciò l’intervento deve essere tempestivo, ripeto a noi non interessano i rapporti tra i privati implicati, ma se ne devono prendere a carico, anche uno solo di loro. Il Comune verificherà che l’ordinanza sia rispettata nei tempi stabiliti”. Con il provvedimento si richiede di provvedere entro 30 giorni alla rimozione e smaltimento dei rifiuti pericolosi e non, depositati in modo incontrollato sull’area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *