iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Sicurezza dei pendolari

Binario lesionato sulla Domodossola-Milano, 2 anni dopo l’incidente di Pioltello

Binario lesionato sulla Domodossola-Milano, 2 anni dopo l’incidente di Pioltello

C'è timore fra chi viaggia

Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre alle ore 10:32

Due binari lesionati in pochi giorni: domenica incidente sfiorato  lungo la Cremona-Treviglio-Milano, ieri mattina traffico bloccato  sulla Milano-Domodossola. Il consigliere Pd Samuele Astuti ha chiesto insieme ai colleghi una commissione. Lo riportano i colleghi di settegiorni.it

Binari lesionati, incubo sicurezza

Domenica è stata solo la prontezza di riflessi del macchinista a evitare l’incidente, ieri invece i sistemi di monitoraggio della rete ferroviaria. Nell’arco di pochi giorni, la doppia anomalia sui binari prima della Cremona-Treviglio-Milano poi su quelli della Milano-Domodossola riaccende i timori legati alla sicurezza della rete ferroviaria, dopo un anno e mezzo dall’incidente di Pioltello in cui ci furono diverse vittime.

Astuti (Pd): “Subito una commissione”

Due emergenze che hanno subito messo in moto il consigliere regionale Pd Samuele Astuti, che già ieri aveva richiesto insieme ai colleghi del gruppo regionale e a Lombardi Civici Europei la convocazione di una commissione alla presenza anche dei vertici regionali di Rfi e dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria.

Dopo Pioltello rete ferroviaria ancora insicura

“Abbiamo scritto alla presidente della commissione Trasporti Claudia Carzeri, perché già nella seduta di giovedì convochi RFI e ANSF – spiega Astuti – nella stessa giornata in cui ascolteremo l’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri e l’assessore Claudia Terzi. Ci chiediamo come sia possibile che quasi due anni dopo l’incidente di Pioltello la linea ferroviaria sia ancora insicura, con guasti simili a quelli che furono fatali a gennaio 2018. La sicurezza di chi viaggia deve essere una priorità assoluta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *