iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Arrestato cuoco di Novara: si schianta dopo aver rubato l’auto

Arrestato cuoco di Novara: si schianta dopo aver rubato l’auto

Accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale.

Ultimo aggiornamento: 07 Aprile alle ore 07:30

Arrestato cuoco di Novara: si schianta dopo aver rubato l’auto e danneggia una vettura parcheggiata.

Arrestato cuoco

Per scappare dai Carabinieri hanno rubato l’auto di un pensionato bareggese ma, in preda ai fumi dell’alcol, si sono schiantati contro una macchina parcheggiata nei pressi del ristorante Dell’Angolo e lì è finita a loro fuga.  Nella serata di giovedì 28 marzo i Carabinieri del Radiomobile di Abbiategrasso e della Stazione di Bareggio hanno arrestato F.G., milanese del 1975, disoccupato con precedenti per rapina, resistenza, minacce e spaccio, e C.G., classe 1981 di Novara, cuoco con precedenti per furto.  I due sono accusati di rapina in concorso, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Pare che i due fossero ricercati fin dalla mattina. Erano loro, probabilmente, a bordo di un furgone inseguito dalla Polizia sulla A4, sul quale sono state poi trovate armi. Si sono dileguati uscendo al casello di Arluno e abbandonando il mezzo in via Deportati di Mauthausen.

La testimonianza

La sera, poi, sono entrati al Cleo Caffè e hanno iniziato a infastidire i clienti, finché una ragazza ha chiamato i Carabinieri. “Erano in tre – racconta la giovane -, erano visibilmente ubriachi e cercavano la lite. Ai militari abbiamo fatto presente che uno dei tre era anche armato, li hanno perquisiti ma ci hanno detto di non avere trovato nulla. Quindi li hanno lasciati andare”. I malviventi si sono diretti verso la stazione, distante poche decine di metri, e hanno puntato la pistola, poi risultata giocattolo, verso un uomo di 70 anni residente a Bareggio, che a bordo della propria auto stava aspettando un conoscente. Hanno aperto la portiera, l’hanno strattonato per tirarlo fuori dall’abitacolo e sono fuggiti contromano a bordo di una Fiat Punto, speronando le auto dei carabinieri e della polizia che si erano messi all’inseguimento. La loro folle corsa è finita poche centinaia di metri dopo, contro un’auto parcheggiata. A quel punto i militari li hanno arrestati. Della terza persona, invece, nessuna traccia.