iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara
Attualità

Top ten rifiuti alle Rocchette: al primo posto polistirolo e plastica

Top ten rifiuti alle Rocchette: al primo posto polistirolo e plastica

La classifica completa.

Ultimo aggiornamento: 12 Luglio alle ore 10:56

In occasione della tappa sul Verbano di Goletta dei Laghi, i volontari di Legambiente hanno anche effettuato una raccolta di rifiuti nelle due aree fronte lago, adiacenti alla spiaggia libera delle Rocchette (dopo i due scogli) di Arona, una spiaggia classificata Bandiera blu 2019 dal FEE.

Top ten

Il materiale raccolto è stato classificato secondo il protocollo internazionale Beach Litter, utilizzato da Legambiente per tutte le spiagge dei littorali marini e lacustri. A causa del livello elevato del lago in questo periodo la dimensione dalle due spiagge è piuttosto limitata rispetto alle condizioni abituali, tuttavia sono stati raccolti 3 sacchi di rifiuti spiaggiati.

In totale sono stati recuperati circa 300 pezzi e la classificazione in macrocategorie rispecchia la media nazionale dei rifiuti raccolti sulle spiagge italiane e coerenti con altri rilievi che periodicamente vengono effettuati dai volontari dell’associazione ambientalista, sempre nella stessa spiaggia.

Quest’area è particolarmente significativa, poiché è un punto di accumulo di rifiuti portati dai venti e dalle correnti da nord.

Tra le top ten dei rifiuti sono stati registrati 124 pezzi e frammenti di plastica e di polistirolo, confermandosi anche nel territorio lacustre la prima categoria di rifiuti più presenti sulle spiagge italiane. Seguita da 26 bottiglie di plastica da 50 cl e da 8 bottiglie da 1,5 lt., 16 tappi, 8 cannucce e un contenitore di olio motore. Seguono lattine, bottiglie di vetro, contenitori di succhi di frutta etc. Particolare curioso un contenitore di palline da tennis in materiale misto metallo/plastica.

I volontari del circolo locale segnalano anche che sulla riva è ancora presente una barca in vetroresina fortemente danneggiata arrivata con la piena dello scorso novembre, che dovrebbe essere rimossa e smaltita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *