iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Le motivazioni

Ritirato dal commercio il salame “Stellino” per presenza di listeria monocytogenes

Ritirato dal commercio il salame “Stellino” per presenza di listeria monocytogenes

Può scatenare nausea e vomito

Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre alle ore 07:12

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di un salame prodotto dall’azienda “NATIVA 2018 SRL” per la presenza di Listeria monocytogenes.

Il salame ritirato dal commercio

Il prodotto interessato è venduto intero con un peso di 1 Kg circa relativo al trancio intero con il numero di lotto 2819 e con le date di scadenza 04/12/2019, 03/01/2020, 10/01/2020, 16/01/2020, 17/01/2020, 23/04/2020, 26/04/2020 e 01/05/2020. Nell’avviso di oggi, si legge che il motivo del richiamo, a scopo precauzionale, arriva per un potenziale rischio di contaminazione microbiologica da Listeria Monocytogenes. Come riportato dall’avviso, il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore è “Nativa 2018 srl – IT 1342L Ce”, il nome del produttore è “Nativa 2018 srl”, con sede dello stabilimento in Via Volta n 45 a Concamarise in provincia di Verona. La clientela in possesso della SALAME STELLINO è invitata a non consumare il prodotto e a renderlo al punto vendita.

Può provocare nausea e vomito

La listeriosi, evidenzia Giovanni D’agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, può provocare nausea, vomito e diarrea, ma anche infezioni più gravi, come la meningite. Si tratta di una infezione che si trasmette per via alimentare e può essere pericoloso soprattutto per le persone con basse difese immunitarie come bambini ed anziani. L’avviso di richiamo del lotto, è stato pubblicato sul portale del ministero della Salute.