iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara

Ricordando Fabio: nasce il fondo a tutela dell’ambiente intitolato a Fabio Carnemolla

Ricordando Fabio: nasce il fondo a tutela dell’ambiente intitolato a Fabio Carnemolla

Il fondo a tutela dell'ambiente nasce per ricordare il giovane che amava la montagna

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio alle ore 07:00

Ricordando Fabio: nasce il fondo a tutela dell’ambiente intitolato a Fabio Carnemolla.

Ricordando Fabio

“Ricordando Fabio” – Presso la Fondazione Comunità Novarese nasce il Fondo, promosso dall’azienda FlavourArt Srl di Oleggio, destinato alla tutela dell’ambiente e a iniziative di natura socio assistenziale, per ricordare il giovane dipendente scomparso prematuramente.

Fabio

Fabio Carnemolla amava la montagna ma questa sua enorme passione, il 13 ottobre 2018, lo ha, purtroppo, tradito. Il giovane ventiseienne, originario di Bellinzago Novarese, è infatti precipitato durante un’escursione in solitaria, a quota 1600 metri, sulle montagne tra il Piemonte e la Francia, nella zona di Bardonecchia.
Fabio lavorava alla FlavourArt di Oleggio, la “sartoria” di aromi, aromi alimentari e per sigaretta elettronica made in Italy e proprio la sua azienda ha scelto di ricordarlo attraverso la costituzione di un Fondo presso la Fondazione Comunità Novarese Onlus con una prima dotazione di 50.000,00 euro.

Ricordando Fabio

“Ricordando Fabio” sarà un Fondo Erogativo: le risorse non saranno capitalizzate ma interamente disponibili per il finanziamento diretto di progetti che ne rispettano le finalità. Il Fondo promuove iniziative di natura socio assistenziale inerenti i servizi e la cura alla persona, attività di ricerca e studio nel campo della medicina e cura alla persona, attività volte a prevenire e contrastare il fenomeno del malessere giovanile e iniziative volte a integrare minori, giovani e adulti che si trovano in situazioni di disagio. Il Fondo si propone, inoltre, di sostenere, anche attraverso attività terapeutiche, ludiche ed educative, le persone con disabilità e recuperare e valorizzare il patrimonio storico e artistico del territorio.
Il Fondo, seguendo le passioni principali di Fabio, è destinato, però in modo particolare, al sostegno di iniziative progettuali volte alla tutela dell’ambiente e degli animali. Scopo è anche quello di promuovere la Cultura del Dono e della solidarietà all’interno delle comunità.

I commenti

“Consideriamo la nostra azienda una grande famiglia – dichiara Massimiliano Mancini, titolare di FlavourArt – ed è facile immaginare lo sgomento che ci ha pervasi alla notizia della perdita di Fabio. E’ ancora una ferita aperta ma volevamo fare qualcosa che lo ricordasse in maniera concreta. Attraverso il Fondo possiamo rinnovare il suo ricordo ogni giorno con iniziative che avrebbe condiviso. La passione per la natura, le sue ricchezze e le sue creature ci accomuna e ci piace pensare che le iniziative che riusciremo a concretizzare possano avere la sua approvazione”. Il Fondo potrà ricevere donazioni e lasciti disposti da privati cittadini, enti e imprese che ne condividano le finalità. Qualunque persona sia fisica sia giuridica e qualunque ente potrà effettuare donazioni che saranno destinate ad incrementare le disponibilità correnti del Fondo.
“Vogliamo ringraziare, in primo luogo, Massimiliano Mancini e FlavourArt – commenta il Presidente della Fondazione Comunità Novarese Onlus Cesare Ponti – per aver dato fiducia alla nostra Fondazione. I Fondi erogativi rappresentano la soluzione più efficace, economica e trasparente per chiunque intenda gestire in modo professionale le risorse che ha deciso di destinare al benessere della comunità. Costituire un Fondo in memoria del giovane Fabio non è solo un modo concreto per ricordarlo ma anche una possibilità, fornita alla Comunità, di realizzare progetti legati a tematiche a lui care. Un gesto di grande valore, da parte dell’azienda, che lancia un Dono al futuro, con l’idea di far nascere semi positivi da una profonda tragedia. Ci teniamo a sottolineare che chiunque può donare le proprie risorse al Fondo diventando, così, parte attiva nella realizzazione di progetti che vedrà diventare realtà”.