iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Pranzo del cuore a favore dei Parkinsoniani.

Pranzo del cuore a favore dei Parkinsoniani.

Domenica 14 ad Arona: interverrà un ospite speciale, Luca Guenna, musicista malato di Parkinson.

Ultimo aggiornamento: 09 Ottobre 2018 alle ore 11:15

Pranzo del cuore: un’iniziativa promossa dal circolo aronese del Dopolavoro ferroviario

Pranzo del cuore: dove e quando

Un momento conviviale per stare insieme in amicizia e al tempo stesso conoscere meglio una grave e diffusa malattia: il morbo di Parkinson. Questo l’intento del «Pranzo del cuore», evento in programma per domenica 14 ottobre alle 12.30 all’hotel Atlantic (Arc en ciel) di Arona. Un appuntamento importante promosso dal Dopolavoro ferroviario Gallarate-Domodossola (circolo di Arona) e dall’Associazione Parkinsoniani Onlus di Arona e Borgomanero.

Un’importante testimonianza

A rendere speciale l’occasione ci sarà Luca Guenna con il suo accompagnamento a base di musica e canzoni. Una testimonianza particolarmente significativa la sua: malato di Parkinson, artista, musicista e organizzatore di Wood in Stock. Un grande evento nel Milanese ispirato al grande concerto del 1969, in una fusione ideale tra musicisti e pubblico. Con uno spazio importante dedicato alle arti figurative. Guenna circa dieci anni fa ha scoperto la sua malattia: «La musica e il canto – racconta – sono da allora per me diventati un grande aiuto per contrastare l’avanzare di questa insidiosa malattia degenerativa. Fino ad oggi, sono io ad aver avuto la meglio. Così inizia la mia piccola grande battaglia e la mia avventura ed è così che poco a poco scopro che non c’è medicina né cura che possa fare di meglio: io mi diverto, e da un po’ di tempo non mi dimentico più di farlo».

Prenotazioni

Quella aronese sarà una preziosa occasione di incontro e di confronto a cui è invitata a partecipare tutta la cittadinanza. Per prenotazioni e informazioni contattare il Dopolavoro ferroviario al 333.8497762 oppure Ivo Dell’Anna al 333.3144324.