iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Run4Safety, Daniele Barbone di corsa contro le morti bianche

Run4Safety, Daniele Barbone di corsa contro le morti bianche

Il presidente del Cim partecipa all'iniziativa di sensibilizzazione sulla sicurezza sul lavoro.

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile 2018 alle ore 11:24

Run4Safety, Daniele Barbone di corsa contro le morti bianche. Il presidente del Cim e runner che ha tra l’altro corso tutte le maratone del circuito World Marathon Majors partecipa all’iniziativa di sensibilizzazione del circuito “Italia Loves Sicurezza”.

Run4Safety, Daniele Barbone di corsa contro le morti bianche

Daniele Barbone, presidente del Cim e runner che ha tra l’altro corso tutte le maratone del circuito World Marathon Majors, è uno dei podisti che stanno realizzando la 1.000 km “Run4Safety. Da Ginosa a Milano”. «La mia parte si comporrà di oltre 100 km da completare, ma anche se tanti, non sono rilevanti quanto lo scopo della corsa – aveva spiegato Barbone prima di partire – Sensibilizzare sui mille morti sul lavoro. Perché abbiamo un sogno con il network Italia Loves Sicurezza, da mille a zero morti sul lavoro in Italia. Come saranno da mille a zero i km da completare».

“Nessuno da solo vince una gara”

L’evento Run4Safety, che prevede sei tappe, vede il podista novarese impegnato nelle tappe quarta e quinta da Cesena a Bergamo. La 1000 km si concluderà domani a Milano nella Giornata per la sicurezza sul lavoro. Ieri Barbone ha affrontato la quarta tappa: “La prima caldissima giornata è andata – ha scritto sul suo profilo Facebook da cui è tratta la foto di copertina scattata presso l’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola – Da Cesena a Imola passando per Forlì. Eventi per parlare di sicurezza sul lavoro e tanti km di corsa sotto un sole cocente. Borghi meravigliosi nei quali incontrare persone disposte ad ascoltare e condividere. La sicurezza come ogni importante traguardo, lo si raggiunge se si collabora. Nessuno da solo vince una gara. Siamo sempre parte di un Team” . Il suo percorso prevede di correre nei due giorni oltre 100 km e tenere 6 conferenze nelle località di Cesena, Forlì, Imola, Modena, Offanengo (CR) e Modena.

“Italia Loves Sicurezza”

L’evento che fa parte del circuito delle attività di sensibilizzazione in materia di sicurezza sul lavoro “Italia Loves Sicurezza” si pone l’obiettivo di condividere con quante più persone il target di arrivare in Italia a zero morti sul lavoro. A differenza del drammatico dato attuale di oltre mille ogni anno.
«Unirmi al percorso che ha ideato il mio amico Mario Stigliano e che lo vedrà correre per 6 giorni da sud a nord del Paese è un onore. Da sempre credo che l’impegno delle aziende per la sostenibilità viaggia allo stesso tempo e con le stesse regole che riguardano la salute dei lavoratori, unico vero patrimonio fondamentale ed indisponibile  – aveva detto ancora Daniele – per questo dedicare il mio sforzo per correre 100 dei mille km è stato un dovere al quale non mi son sottratto, perché come zero è l’obiettivo dei km che mancheranno al termine del percorso, zero deve essere il numero di persone che muoiono sul lavoro nel nostro Paese».

Il ricavato all’Associazione art4sport

L’intero ricavato di sponsor e donazioni private raccolti prima e durante la corsa Run4Safety sarà destinato all’Associazione art4sport Onlus che crede nello “sport come terapia per il recupero fisico e psicologico dei bambini e dei ragazzi portatori di protesi di arto”. La missione di art4sport è quella di aiutare economicamente e supportare a livello pratico/organizzativo le famiglie di bambini protesizzati per permettere loro di giocare e divertirsi quotidianamente attraverso l’attività sportiva.
Sandro Devecchi