iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Giovanni Impastato a Borgomanero ha donato il suo libro al sindaco

Giovanni Impastato a Borgomanero ha donato il suo libro al sindaco

Impastato ha raccolto il testimone lasciatogli dal fratello.

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio alle ore 08:00

Giovanni Impastato è il fratello di Peppino Impastato, barbaramente ucciso dalla mafia: ieri è stato a Borgomanero.

Giovanni Impastato a Borgomanero

Il Sindaco di Borgomanero Sergio Bossi, unitamente all’Assessore Francesco Valsesia, ha incontrato nel pomeriggio di giovedì 16 maggio a Palazzo Tornielli,Giovanni Impastato, fratello minore di Peppino ucciso dalla mafia nel 1978.  Impastato ha donato al Primo Cittadino il suo ultimo lavoro, il libro “I cento passi” realizzato in collaborazione con Vauro Senesi. La visita è poi proseguita alla “Torretta” di via Arona, l’immobile strappato alla mafia e consegnato al Comune di Borgomanero.

L’eredità del fratello maggiore

Giovanni impastato è il fratello minore di Peppino. Ha raccolto la sua eredità portando avanti la lotta intrapresa da Peppino. E’ tra i fondatori di Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato, impegnata nella sensibilizzazione e nel contrasto alla criminalità organizzata. Alle 21 di ieri sera è stato ospite dell’Auser Borgomanero, in piazza XXV aprile per presentare “La mafia è ancora più vicino di quanto sembra- Una serata per la legalità”.

Durante la giornata Impastato ha avuto modo di visitare la torretta di via Arona, sequestrata tra gli averi di un affiliato a una cosca della criminalità organizzata.