iniziativa Iscrivetevi al Gruppo WhatsApp del Corriere di Novara
Nuovo portale

Family Like: un’unica casa per le proposte dedicate alle famiglie

Family Like: un’unica casa per le proposte dedicate alle famiglie

Riguarda 46 comuni piemontesi del Lago Maggiore e Lago d'Orta .

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre alle ore 14:19

Family Like, un’unica casa per le proposte dedicate alle famiglie. Un portale per mappare, collegare e costruire eventi per le famiglie nei 46 comuni piemontesi del Lago Maggiore e Lago d’Orta .

Family like

Mappare, collegare, costruire.

Per questo nasce il portale FamilyLike.it, uno dei progetti della seconda edizione del bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, che nei 46 comuni del Lago Maggiore e Lago d’Orta ha l’obiettivo di creare un territorio che si prenda cura delle famiglie e dei bambini, provando a costruire risposte a livello comunitario.

Il portale insiste su un territorio di piccoli comuni, ognuno con la sua scuola, il suo doposcuola, i suoi servizi, le sue associazioni, dove le azioni di welfare di comunità esistono ma sono difficili da collegare.

“Abbiamo voluto creare un’unica casa per tutte le proposte dedicate alle famiglie” afferma Federico Medda, responsabile comunicazione di Family Like.

Il lavoro fatto

I primi sei mesi sono stati necessari per mappare il territorio alla ricerca di associazioni, gruppi e realtà anche meno conosciute. La ricerca è stata fatta scartabellando eventi e microeventi scovati sui social e sul sito del comune, per poi risalire agli organizzatori, incontrarli uno a uno e inserirli sul portale, che contiene anche una mappa georeferenziata per localizzarli.

Collegare e mettere in circolazione ciò che già esiste infatti è uno degli obiettivi del portale che offre la possibilità di inserire un evento (laboratori, feste, eventi culturali, incontri per genitori) o un servizio (spazi dove svolgere attività sportive, culturali e aggregative, doposcuola, attività commerciali family friendly). È anche un modo per sentirsi parte di una comunità che ha a cuore le famiglie e la cura ed educazione dei minori.

In questi anni sono state mappate 3000 realtà del territorio, sono stati inseriti 4000 eventi e iniziative e il sito è stato visitato più di 30.000 volte.

Ma il portale è anche lo strumento per ispirare, ideare e costruire insieme nuovi spazi ed iniziative offrendo, grazie al progetto Family Like, un supporto professionale a tutte quelle iniziative che coinvolgono il privato sociale, l’ente pubblico e i gruppi informali di genitori o nonni.

Come è accaduto a Cureggio, dove all’interno della biblioteca comunale, grazie a due mamme e due insegnanti, sono nati dei laboratori e delle letture insieme a degli educatori individuati da Family Like. Qui Family Like non ha soltanto offerto un supporto organizzativo ma è anche riuscito a dare un piccolo finanziamento, oltre poi alla visibilità sul portale.

La mostra

Un altro progetto, nato con il supporto di Family Like, è quello che ha coinvolto Maria Barghouty, un’artista siriana di 11 anni, la bambina che cuce il mondo a colori. Tutto è cominciato quando Paola Girordini dell’associazione Drago Lago che si occupa di animazione estiva, incoraggiata dagli operatori Family Like, ha deciso di lanciarsi in un progetto più grande. Così, insieme a una scuola media e il consiglio comunale dei ragazzi, è riuscita a fare arrivare le opere di Maria in Italia per realizzare una mostra a Gozzano e a Omegna. Il progetto Family Like si è messo a servizio di questo emozionante progetto, trovando gli spazi per l’esposizione, occupandosi della curatela della mostra, e del catalogo e naturalmente promuovendo l’iniziativa sul portale.

Il co-baby ad Arona

Un’altra esperienza innovativa è quella nata da un gruppo di genitori del comune di Arona che hanno deciso di aprire un co-baby, nel coworking in cui lavoravano. L’esigenza era quella di coprire le due ore fra la fine del doposcuola e la fine dell’orario di lavoro dei genitori. I genitori hanno affittato uno spazio disponibile all’interno del coworking mentre Family like si è occupata di trovare le educatrici. Per un anno il co-baby ha accolto 8 bambini. L’esperienza molto positiva si è conclusa in questo coworking ma continua al Circolo Wood, rimanendo sempre all’interno della comunità del portale Family Like.

Roberta Tredici, una delle mamme promotrici del co-baby, racconta anche di un’altra bellissima iniziativa resa possibile grazie all’aiuto di Family Like. “Tre anni fa alla scuola d’infanzia Cesare Battisti volevamo organizzare una raccolta fondi per realizzare delle attività extrascolastiche: corsi biodanza e laboratori di ecologia. Trattandosi di una scuola multietnica, abbiamo pensato a un aperitivo interculturale come occasione per conoscerci. Family like ha messo a disposizione un fotografo per ritrarre le famiglie e le maestre con i bimbi. La raccolta fondi, basata sulla vendita di queste foto, dopo tre anni è aperta anche a persone esterne alla scuola.”

Il portale Family Like ha recentemente ricevuto l’attenzione del consorzio dei servizi sociali. Insieme stanno pensando a una chat per accorciare le distanze fra gli operatori dei servizi sociali e le famiglie che sono in cerca di un confronto immediato.

Tutti infatti abbiamo bisogno di qualcosa e tutti abbiamo uno smartphone in tasca.

Questo lo sa bene Family like che da anni cerca di trasformare i servizi sul territorio grazie all’aiuto del digitale. A patto che sempre più realtà decidano di unire le forze e di continuare a proporre le proprie iniziative.

Perché il portale FamilyLike.it sia, sempre più, uno strumento prezioso per continuare a ritrovarsi, condividere, crescere.