INIZIATIVA L'album delle figurine storiche

Emma Morano, è lei la regina d’Europa?

Emma Morano, è lei la regina d’Europa?

La supercentenaria di Verbania è morta il 15 aprile 2017 all’età di 117 anni e 137 giorni.

Ultimo aggiornamento: 28 Febbraio alle ore 09:14

Emma Morano, è lei la regina d’Europa? La supercentenaria di Verbania, morta il 15 aprile 2017 all’età di 117 anni e 137 giorni, potrebbe presto essere incoronata come la cittadina europea più longeva di sempre se, come pare, la prossima edizione del Guinness dei primati depennerà Jeanne Louise Calment, la donna francese che dal 1997 occupa la testa della classifica mondiale. La notizia, che da una ventina d’anni circolava sottotraccia, è deflagrata a fine dicembre quando alcuni ricercatori russi hanno reso noti i risultati dei loro studi: i 122 anni e 164 giorni attribuiti alla Calment sarebbero in realtà una truffa. Jeanne Louise Calment sarebbe morta di pleurite nel 1934 ad appena 59 anni e la sua identità sarebbe stata assunta dalla figlia Yvonne, che aveva 36 anni, per evitare il pagamento delle tasse di successione.

Emma Morano e la pagina inglese di Wikipedia

La pagina inglese di Wikipedia che aggiorna la lista delle cento persone più longeve di sempre ha immediatamente classificato il caso come sospetto, in attesa di ulteriori decisioni. In tale pagina la Morano, che dal 13 maggio 2016 fino alla morte fu decana dell’umanità, al momento occupa il settimo posto assoluto ma potrebbe salire al quinto perché il Gerontology research group, ente che ha sede all’Università della California di Los Angeles, sta esaminando anche un’altra vicenda dubbia: quella della statunitense Lucy Hannah che al trapasso, avvenuto il 21 marzo 1993, dichiarava 117 anni e 248 giorni, ma la cui data di nascita potrebbe essere stata il 12 agosto 1895, non il 16 luglio 1875 come sin qui creduto. Se tali declassamenti fossero confermati, davanti alla Morano rimarrebbero un’altra americana (Sarah Knauss, 119 anni e 97 giorni), una giapponese, una canadese e una giamaicana: ma nessuna europea.

Le sponde del Lago Maggiore si confermano fucine di ultracentenari

Passando a territori più vicini le sponde del Lago Maggiore si confermano fucine di ultracentenari. Il 29 gennaio a Porto Valtravaglia (Varese) è morta, vicinissima ai 110 anni, Alda Lombi, che proprio a Verbania era nata, il 20 febbraio 1909. Se tutto procederà per il meglio invece, il 30 aprile suor Agnese Bernasconi, di origini ticinesi ma che dal 2012 abita nella Casa Santa Luisa di Pallanza condotta dalle Figlie della carità di san Vincenzo de’ Paoli, compirà 109 anni. Malgrado un simile compleanno tuttavia, non è lei la religiosa vivente più longeva: la supera la francese suor André, al secolo Lucile Randon, che l’11 febbraio ha compiuto 115 anni. Due altre emigrate dall’alto Piemonte sono poi Teresa Quarti, nata a Domodossola il 12 marzo 1911 e ora residente a Bergamo, ed Emma Fighetti, venuta alla luce il 18 luglio 1911 a Premeno ma abitante a Milano, medaglia d’oro per la Resistenza grazie al suo ruolo di staffetta partigiana. Nella casa di riposo Mater Dei di Novara vive invece Maria Teodora Vanzini, nata l’8 giugno 1911 nel Baden-Württenberg (Germania). Sua coetanea è la sizzanese Vittorina Zoppi, che aprì gli occhi il 19 giugno 1911. Il novarese più longevo è Gaudenzio Nobili, 107 anni lo scorso 25 gennaio, età che lo colloca al terzo posto tra gli uomini più anziani del Piemonte. Per straordinaria coincidenza infine, in quello stesso 25 gennaio, a Novara, i 107 anni sono stati raggiunti anche da Onorina Morganti.

Stefano Di Battista