iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara
tradizione e folclore

Fiera di San Bernardo: un successo a Macugnaga

Fiera di San Bernardo: un successo a Macugnaga

Domenica la messa e la processione con il santo fino al vecchio tiglio.

Ultimo aggiornamento: 09 Luglio alle ore 15:57

Sono saliti in molti lo scorso weekend alla “Perla del Rosa” per la 33ª edizione della Fiera di San Bernardo di Macugnaga,  tradizionale esposizione di artigianato alpino, arte e gastronomia.

A Macugnaga tre giorni intensi di festa

Il tema di quest’anno era “Homines dicti walser 1319-2019 – Le minoranze come valore universale riconosciuto dall’Unesco“. Tre giorni intensi, a partire da venerdì pomeriggio con il XIX° Concorso estemporaneo di scultura su legno cui ha partecipato una decina di esperti scultori realizzando le opere “in diretta” sotto gli occhi della gente partendo da un tronco di legno. Ha vinto la biellese Stefania Nicolo, davanti a Vito D’Alessandro e Roberto Gherardi. Sabato la Fiera è entrata nel vivo con l’allestimento di 52 bancarelle di prodotti enogastronomici, ceramiche, ricami e artigianato in legno.  Apprezzate anche le esposizioni dedicate al costume Walser, presso il Museo della Montagna di Staffa e presso il Museo Casa Walser di Borca. Particolare successo della mostra dei ricami a punto croce curata dal designer bassanese Renato Parolin, che ha incontrato gli alunni delle scuole primarie della Valle Anzasca che hanno seguito un corso di punto croce e tanti visitatori.

Conferita l’insegna di San Bernardo

Alla Kongresshaus, sabato sera il conferimento dell’Insegna di San Bernardo a Luciano Caveri, per il costante impegno profuso nell’amministrare le regioni montane delle Alpi, nel promuovere e nel sostenere la cultura alpina. Consegna della “Segale d’Oro” a Marco Berardi e Daniela Boneschi, giovani coniugi, imprenditori turistici macugnaghesi. Interamente dedicata alla tradizione walser la giornata di domenica, iniziata con la S.Messa solenne presieduta da monsignor Fausto Cossalter, vicario generale della Diocesi di Novara, che ha ricordato la figura a mille anni della nascita di San Bernardo. Alla celebrazione col parroco Don Maurizio Midali, presenti il Coro Monterosa e diversi gruppi Walser nei tradizionali costumi e le guide alpine. E’ seguita la tradizionale processione col Santo fino al vecchio tiglio, conclusa con la benedizione degli attrezzi da montagna, seguita dall’incanto delle offerte e dalla distribuzione del pane di segale cotto nel forno del Dorf. Nel tardo pomeriggio la premiazione degli espositori e dei partecipanti al concorso di scultura la consegna del tradizionale Pane dell’Amicizia ai gruppi walser intervenuti.

Eraldo Guglielmetti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *