iniziativa Simpatiche Zampette: gioca con il Corriere di Novara

Benvenuti a Romentino, “terra dei fuochi”

Benvenuti a Romentino, “terra dei fuochi”
Ultimo aggiornamento: 05 Marzo 2015 alle ore 14:47

Martedì sera i 1.546.000 telespettatori (fonte Auditel) che hanno seguito “Ballarò” su Rai3 hanno appreso che la vera “terra dei fuochi” sarebbe a Romentino, «paese delle cicogne e anche delle cave», cave che «stanno a ridosso delle risaie: si scava fino alle falde acquifere», appunto «accanto ai campi coltivati», nell’ambito di «un business milionario». Così l’inviato Claudio Pappaianni in apertura del servizio andato in onda durante la trasmissione condotta da Massimo Giannini, dedicato a una problematica, forse, almeno in passato, sottovalutata. Il fatto è che Pappaianni non ha riportato chiacchiere da bar bensì intervistato autorevoli addetti ai lavori, a partire dal vicecomandante nazionale della Forestale Alessandra Stefani, tra l’altro già comandante provinciale a Novara e in Piemonte. Esordio col botto: per il business dei rifiuti si arriva a uccidere. Sono stati poi intervistati Susanna Pulici, vedova di Ettore Marcoli, il referente di Libera, Mattia Anzaldi, il sindaco di Romentino, Alessio Biondo. Conclusione dell’inviato di Ballarò: «Vi siete addormentati in Piemonte e svegliati nella terra di Gomorra». Se così è, chi ne è responsabile?

Paolo Viviani

Martedì sera i 1.546.000 telespettatori (fonte Auditel) che hanno seguito “Ballarò” su Rai3 hanno appreso che la vera “terra dei fuochi” sarebbe a Romentino, «paese delle cicogne e anche delle cave», cave che «stanno a ridosso delle risaie: si scava fino alle falde acquifere», appunto «accanto ai campi coltivati», nell’ambito di «un business milionario». Così l’inviato Claudio Pappaianni in apertura del servizio andato in onda durante la trasmissione condotta da Massimo Giannini, dedicato a una problematica, forse, almeno in passato, sottovalutata. Il fatto è che Pappaianni non ha riportato chiacchiere da bar bensì intervistato autorevoli addetti ai lavori, a partire dal vicecomandante nazionale della Forestale Alessandra Stefani, tra l’altro già comandante provinciale a Novara e in Piemonte. Esordio col botto: per il business dei rifiuti si arriva a uccidere. Sono stati poi intervistati Susanna Pulici, vedova di Ettore Marcoli, il referente di Libera, Mattia Anzaldi, il sindaco di Romentino, Alessio Biondo. Conclusione dell’inviato di Ballarò: «Vi siete addormentati in Piemonte e svegliati nella terra di Gomorra». Se così è, chi ne è responsabile?

Paolo Viviani

Leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di giovedì 5 marzo 2015